Di caprino e mirtilli. Di George Clooney che affetta peperoncini. Di Week End un po’ alternativi, suvvia


Sabato ero alle prese con una mousdisciocolà, che continuo fortemente a sostenere si scriva così. Anche perché dubito fortemente delle persone che durante la preparazione della suddetta non sentano la necessità di parlare in francese anche se a stento conoscono l’idioma (il mio caso, sì). Tra sgesuicatrindenev e bongiurcarlàbrunì ripetevo mousdisciocolà petit sebon.

E’ un inquietante retroscena che potevo omettere ma perché mai? Tra un francesismo e l’altro la genialata improvvisa mi coglie proprio mentre la ganache (che si scriverà a ‘sto punto ganascieee) è quasi pronta. Avevo acquistato quindici peperoncini enormi; non perché qualcuno in casa ne faccia uso chiaramente (mi piace essere sensata sempre) e neanche per una visita imminente della nonna che da brava calabrese ne mangia otto inzuppati nel latte e nove chili tra fritturine leggere con ettolitri di olio e bagnate nello strutto di maiale. Avevo comprato questi peperoncini ENORMI perché la smania da brava agricoltrice da terrazza ha preso il pieno sopravvento. Volevo ricavare i semi, tagliare il resto a pezzetti e congelarlo per le preparazioni etniche. Non avevo mai ricavato e piantato i semi e non avevo neanche mai congelato il peperoncino (in realtà chi mi conosce sa quanto io sia refrattaria al surgelamento in genere ma nella vecchiaia poi ci si arrende). Volevo insomma votarmi all’idea di sfrenato cambiamento. Il risultato? Paralisi alla mano destra e sinistra con bruciore, prurito e bulbo oculare infiammato. Evviva! E tutto in un sol colpo eh. Sono una campionessa, tiè.

A mani nude ho tagliato questa chilata di peperoncino allegramente, parlando della mia mousdiciocolà e di quanto sarebbe stato bello dopo andarsi a mangiare tutti una granitina. A mani nude ho raccolto i semini che diligentemente posizionavo sul piattino dove li avrei fatti seccare per poi  trapiantarli. A mani nude con le mie unghiazzemaledettelunghe ho giocato al piccolo chef che tagliuzza velocemente andandone pure fiera. Avvertivo un leggero fastidio alle mani. Inizialmente un formicolio e poi un inizio di bruciore come un’ustione ma conoscendo la mia stramaledetta delicatezza in ogni cosa impavida ho proseguito. Al grido di “sono una donna coraggiosa ormai!”.

E ho fatto male. Mamma, che stava passando dalla mia cucina con un carico di biancheria (perché se mamma è in casa mia lava tende, piumoni, giubbotti, pantaloni. Puliti intendo eh. Perché la sua passione è prendere roba pulita e rilavarla. Non c’è bisogno di chiedersi da chi abbia preso io, giusto? Il gene della follia è innato in questa pazzapazzapazza famiglia) profeticamente ha detto “Amore hai gli occhi un po’ rossi”.

In realtà avevo gli occhi rossi mentre le mani prendevano fuoco ed io avvertivo un leggero senso di soffocamento. Ora generalmente esaspero ai limiti dell’impossibile le descrizioni d’accordo, ma chi mi conosce sa che nel dolore non esagero per nulla. Sono sempre quella che con l’ulna rotta in due parti e il radio spezzato è rimasta al pronto soccorso dieci ore (DIECI ORE) facendo passare i codici bianchi sostenendo “è solo una slogatura nulla di più” per poi lasciare interdetti i radiologi. Sono sempre quella che quando si è fatta la gastroscopia ha detto al medico di non volere nessuna goccetta di valium perché mi piaceva proprio la sensazione del tubo nella gola. Sono sempre quella che quando si è spaccata il piede non se ne è neanche accorta e ha continuato a zompettare allegramente salvo essere ammonita con un “stai sporcando di sangue tutto il tappeto” (dieci punti).

Insomma per dire che ho una soglia del dolore talmente alta che quando all’improvviso sono scoppiata a piangere gridando “sto impazzendo dal bruciore aiuto” tutta la mia famiglia, nani da giardino, amici lontani, vicini di casa che non ho e quindi immaginari, e tutta la Sicilia orientale sono entrati nel panico.

Ho pianto per tre ore ininterrottamente. Nulla sapevo della potenza della capsaicina, composto chimico presente in diverse concentrazioni nelle piante Capsicum come il peperoncino gigante. E’ un alcaloide responsabile della piccantezza e riesce ad essere altamente urticante.

E’ bastato “googlare” un secondo “mani bruciore peperoncino” per scoprire un mondo. Il peperoncino non va mai tagliato a mani nude. Leggendo nei diversi forum di persone addirittura preoccupate per la rottura del guanto durante il tagliuzzamento del peperoncino mi sono messa le mani tra i capelli. O meglio. Se avessi potuto mi sarei messa le mani tra i capelli.

Avevo raccolto singolarmente ogni seme. Avevo tagliato a mani nude qualcosa come un chilo di peperoncini. Se nei diversi forum si parlava di bruciore, ustione e orticaria per diverse ore in riferimento a “sbagli”, nulla vi era circa una “pazza che non ne sapeva niente della capsaicina e si è messa a tagliare a mani nude una piantagione”.

Il risultato è stato ai limiti del comico (adesso che non fa male). Grazie al cielo su twitter riesco ad ottenere risposte come fosse un oracolo. In moltissimi mi hanno consigliato di passare immediatamente la saponetta di acciaio inossidabile, spruzzare limone, passare olio d’0liva, immergere nel latte, non usare ghiaccio e mettere in pentola con aglioeolio le mani e farci una spaghettata (ai più spiritosi in quel momento è andato  tutto il mio disprezzo perché il dolore era insopportabile, santo cielo).

Le ho provate tutte. Naturalmente nessun pazzo/a svolgerà mai nella vita l’operazione di affettare piantagioni di peperoncino ma semmai dovesse accadere: calma, sangue freddo e pianto a dirotto (pure a dirnove e dirdodici eh. Che otto non basta mica). Il dolore sarà lacerante (dipenderà dalla presenza dell’alcaloide e dalla grandezza dei peperoncini. I miei avevano vinto un campionato)  ai limiti dell’insopportabile ma in nessun modo la capsaicina potrà andare via se sarà trascorso già del tempo. Il sapone d’acciaio come lo stesso grasso dell’olio, unico rimedio in quanto la capsaicina non è solubile in acqua e quindi lavarsi non serve, è utile solo quando è appena avvenuto il contatto. Nel mio caso era già entrato nell’epidermide e la quantità era pericolosamente elevata. Il farmacista in preda ad un attacco isterico voleva ricoverarmi più per schizofrenia che altro. L’unico sollievo che ho provato è stato quello di infilare le mani in tantissimo latte. Inizialmente vi era dello zmyl in casa ed è stato pressoché inutile in quanto di grasso ve ne è ben poco. Con il parzialmente scremato è andata meglio ma con l’intero si sono raggiunte vette di goduria. Per una intollerante al latte che odia il peperoncino ma con la passione di tagliarlo e congelarlo, ritrovarsi come una novella Poppea a piangere e gridare “aiuto non potrò mai più disegnare e fotografare” è stato un momento davvero pregno di significato.

Il dolore è durato in una fase acuta e assurdamente insopportabile la bellezza di sette ore piene. Senza alcun tipo di esagerazione posso sostenere che per sette ore un bruciore vergognosamente incisivo mi ha accompagnato. Poi all’improvviso è entrato in una fase calante. Sfinita nel letto e stanca più per le lacrime e la preoccupazione di perdere l’uso delle mani per sempre (oh sono ipocondriaca io eh! Resisto al dolore vabbè ma sono ipocondriaca) al grido di “non potrò mai finire il mio libro. La mia vita è finita. Lascio tutte le mie borse a Cristiana. Salutatemi bestiabionda. Dite a Max che la pasta al kiwi è buona e che Pani conquisterà il mondo” e tutta una serie di messaggi fondamentali per la sopravvivenza umana sono crollata.

L’indomani era come se non fosse successo nulla. Ma qualcosa è successo. Ho dato fuoco al peperoncino e giurato su quanto ho di più caro che per me è guerra aperta dichiarata. Mi sono convinta di avere un obbligo morale da perseguire adesso. Inventare un peperoncino piccante che si possa tagliare a mani nude e che più viene tagliato più svolge un’azione emolliente, rilassante e rinfrescante per le mani.

Chiaramente non so quel che dico ma so che ce la farò.

Per chiunque si trovi nella mia stessa situazione (è impossibile essere talmente cretini ma se anche tu sei riuscito ad eccellere nella sacra arte dell’idiozia qualamanoamico fatti vivo e mandami una mail che ci beviamo un succo di frutta insieme): latte intero a temperatura ambiente, tanta pazienza  e biafin. E persone splendide che vi sopportino.

L’unica crema che mi abbia portato un po’ di sollievo (nella fase finale) è stata (consigliata da dottori e farmacisti) proprio la suddetta meraviglia che ha di per sé del miracoloso.

La Domenica, dopo aver sofferto ed essermi lamentata come piace fare a me, ho ceduto al lato oscuro della capsula Nespresso uotelse. Premesso che io e il Nippotorinese (più io) detestiamo George Clooney che ci fa andare di traverso il cibo durante le sue stupide pubblicità quando spunta con quel facciotto da pesce lesso in zuppa (vorrei tirargli i capelli e perforargli i bulbi oculari infilandoci dentro con violenza inaudita gli indici. Con tutte le unghie, sì) insommaaaaaaaaaaaa.

Sì. Ho approfittato del mio dolore per convincere definitivamente il pelato a cambiare macchina del caffè. Era una Gaggia fiammante capace di fare cappuccino, mokaccino, caffè turco, islandese e pure alieno con tanto di macina caffè. Era una Gaggia ancora funzionante, meravigliosamente ipertecnologica con touch e pure sim integrata che ti chiama e manda sms scrivendoti “mi riscaldo un po’. Quando vieni a casa che ti faccio un bel ristretto?” e così via ma era ENORME. Talmente enorme da occupare un piano per me vitale durante le preparazioni. Il suo posto d’onore era accanto al Nippotorinese in ufficio. Nel suo bell’ufficio disordinato dove io non posso catalogare, sistemare e organizzare nulla. Nel suo regno fatato dove non posso intervenire con i miei colori, sistemi di riferimento e maniacalità applicate. Qui in casa sarebbe bastata una macchinetta picciuina e ipermoderna fescion inutile da aggregazione sociopatica come piace a me. Costosa, poco pratica, senza ragione di esistere e da omologazione da status symbol. Abbiamo avuto un dibattito politico di nove ore con tanto di clessidra manco fossimo Berlusconi e Prodi ai bei tempi di Bruno Vespa quando il bunga bunga non allietava ancora le mie giornate (oh mi riascolto le intercettazioni della Polanco e rido con le lacrime. E’ normale? Vorrei imparare il brasiliano solo per capire meglio alcuni passaggi. E’ normale? No. Nessuno mi risponda).

Ho vinto io solo dopo aver allungato le manine e con occhi da cerbiatto aver sussurrato  “ho sofferto tanto ieri . ancora brucia forte forte” (ovviamente non era vero). D’accordo non è vero. Il Nippo non si commuove così. Ho vinto io afferrando la scatoletta della macchina del caffè. Urlando. Dirigendomi alle casse e urlando “comando io intesiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii?!?!?!??!”. Non è vero manco questo ma.

Ma è vero che ora un piccolo aggeggio fescion è lì. A donare spazio al piano che mi occorre per le mie mousdisciocolà e taglio del peperoncino, of course. E’ lì che troneggia in tutta la sua inutilità. “Hai preferito l’estetica all’utilità” mi ha sussurrato mentre stamattina sfogliavo la selezione delle capsule (oh sono economiche eh! Basta vendersi la casa e puoi berti dieci caffè!). Si è diretto con in braccio la Gaggia mentre le sussurrava “vieni piccola. Lei non ti vuole. Preferisce le magroline fescion taglia trentotto. Non te cicciotta, dolce e affidabile”.

Dovrei sentirmi un verme lo so. Il problema è uno. Non mi ci sento perché nella rappresentazione figurativa il verme al mio confronto è un essere adorabile. L’autocoscienza è la mia forza.

Tutte queste storie poi, quando non sono riuscita neanche ad averla in una nuance rosa pastello come volevo io. Mi accontento delle capsule barbiegirl.

Di rosa però ho questi piatti Alessi che adoro. Fossero stati anche mirtilli rosa sarebbe stato meglio ma so accontentarmi (ok per prendermi a ceffoni ci si munisca di numero e si prosegua con calma).

(ahhhhhhhhh vedere Lorax. Alberi rosa. Tutto Torna.  Vedere Lorax. Vedere Lorax. Non vedo l’ora di abbinare una ricetta a questa visione sorprendente che merita inchiostro e inchiostro).

Dicevo? Ah sì. Rosa! uotelse? (picchiatemi, sì)

Che il caprino si sposi bene alla frutta non è certamente una novità. Un’insalata abbastanza conosciuta, light, gustosa e davvero sfiziosa è proprio quella con il formaggio per l’appunto e il mango (clicca qui per la ricetta). Nelle varie preparazioni con caprino e frutta è poi divertente il modo di presentazione. Si può semplicemente “sbriciolare” sul piatto e adornare di frutta condendo con buonissimo olio extra vergine di oliva e una giratina di pepe nero fresco macinato sul momento oppure procedere a qualcosa di elaborato (mica tanto).

Il mango infatti potrà essere tagliato sottilissimamente e successivamente imbottito con il caprino leggermente lavorato in un recipiente con la frusta (o forchetta) insieme a qualche generoso cucchiaio di olio, sale e spezie. Un arrotolamento veloce per un Sushi vegetariano e innovativo fruttoso al cento per cento che non potrà che sorprendere in  tavola. Soprattutto quando si ha voglia di fresco e porzioncine da brunch o finger food. A tal proposito anche l’idea di infilare la “crema” di caprino in un bicchierino e adornare in cima con frutta fresca rimane un’idea carinissima. A maggior ragione se a far da contorno c’è pure un cucchiaino particolare e carino. Ve ne sono in vendita davvero di carini e glam, anche se di plastica.

Come non ricordare a questo punto la graziosissima torretta-polpettina di caprino tutta ricoperta da una gustosissima crosta di nocciole piemontesi tritate? (clicca qui per la ricetta). E i tre cucchiaini formaggiosi per un antipasto a base di formaggio e frutta? (clicca qui per la ricetta).

Il caprino insomma rimane una garanzia soprattutto in fatto di elaborazioni fresche, veloci e particolari perché ben si abbina a queste “variazioni” particolari. Allo stesso modo il mirtillo, che non è certo da meno per particolarità di accostamento: come dimenticare le polpette con salsa di mirtillo (clicca qui per la ricetta) o la semplice insalatina con mirtilli e gherigli di noce (clicca qui per la ricetta del bento)? Caprino e Mirtilli, mi sono detta, e così è stato mentre programmavo queste fantasmagoriche tagliatelle ai mirtilli di cui narra un libriccino vecchiotto ma a quanto pare più all’avanguardia di quelli attuali.

E’ una preparazione semplicissima ai limiti del vergognoso tanto è facile. In pratica si “sbriciola” un po’ il caprino e si adorna con mirtilli freschi. Olio extra vergine di oliva con tanto sale e pepe bianco (o nero ) freschissimo macinato sul momento.

E’ un po’ difficile lasciarsi andare ad accostamenti inusuali. Credo non ci sia nulla di male davvero nell’essere diffidenti. Poi però si deve smettere e osare. Perché è proprio quando ci si lascia andare che comincia il bello.

E il bello risiede anche nell’accostamento del caprino e mirtillo, sì. Sarà un’estate difficile con me, lo dico prima. Ci saranno accostamenti che faranno rabbridividire.

Ma solo chi non avrà il coraggio di osare.

About these ads

Commenti

  1. a

    • prima! Per Iaia, per il mio Frugolino che sta ancora male e per urlare BUON COMPLEANNO alla mia dolcissima Angela!!!!

      • spiessli dice:

        No ma come? Il piccoloo sta ancora male?! :(

        • Otite… da giovedì… :-(

        • spiessli dice:

          eh sì cribbio, ma quanto dura? Porino, spero che non abbia troppo male.

        • E’ batterica, quindi la più ignorante! Sembrava leggera, invece da un orecchio è passata all’altro e ha infiammato anche la gola… abbiamo dovuto cambiare pure la cura, farne una più pesante!

        • Nooo povero patatino :(
          Qui urge un rifornimento di apine. Questa settimana non ce la fo, ma la prossima mi scateno! :)

        • gluci77 dice:

          Tu sei troppo gentile… E io ancora non sono riuscita a rimediare quel che cercavo… Abbi pazienza!!!!

      • angyerry dice:

        Luci i❤you sappilo :) e guarda mi dispiace così tanto per frugolino :( peró passerà presto, coraggio :(

  2. Devo raccontarti con calma cos’ho fatto io con il peperoncino. Devo.

  3. mia madre comprò dei peperoncini verdi credendo fossero friggitelli. se n’è accorta dopo essersi strofinata l’occhio col dorso della mano.
    ora stai meglio, si? forse anche spalmarsi le mani di caprino e mirtilli sortirebbe un’azione lenitiva..
    on ose, on ose. non vedo l’ora.

  4. Stellina!!!! Se tu mi avessi chiamato, la prima cosa che ti avrei detto sarebbe stata di immergere le mani nel latte… perchè c’ho un’età e conosco tutti i rimedi della nonna!!! Tu e Frugolino mi farete impazzire per l’ansia… tu come stai oggi? Se per caso neanche il Nippo volesse più quella meravigliosa Gaggia, mi offro volontaria per adottarla… non ho spazio in cucina neppure per quella della Nespresso, ma un posticino glielo trovo… quando si tratta di caffè… E comunque sono felice perchè vedo che non sono l’unica al mondo a dire che Clooney è tutto fuorchè affascinante…. Un abbraccio grande grande stellina!

  5. ssandrici dice:

    :) novella poppea è assolutamente fantastico.

  6. Mannaggia ai peperoncini!!!!!Nonostante tenti di farci attenzione (non è assolutamente vero, io ho la soglia di attenzione di un bambino di 8 anni in cucina) quando affetto il maledetto peperoncino (che io non sopporto che in quantità infinitesime ma il Doc consuma a quintali, probabilmente non ha più papille gustative e non lo sa) finisce sempre qualcosa sotto l’unghia dell’indice sinistro quel nano secondo che basta per lasciare un bruciore infinito da unghia in autocombustione, non so come sia possibile, non va via…non oso nemmeno immaginare quanto tu abbia sofferto!!!Sí, sarebbe semplice mettersi i guanti ma farei tritato di gomma ogni volta…Parliamo dei mirtilli, di quanto siano belli e facciano bene e non siano affatti urticanti e questo li rende anche di indole buona e dolce, che non vedo l’ora di mangiare in tutti i modi possibile (immagina?puoi!) perchè al mirtillo ho consacrato il mio ammoooore!!!
    Ps. prova a inventarlo il brasiliano, è esilarante, basta aggiungere un po’ di ao e di sg a caso, la mia insegnante approvava!!!!

  7. Lady Catelyn Stark dice:

    POvera!!!!!!! :( Ma dovete fare pace………..non puoi litigare con i peperoncini!!!!! OIBò

  8. I nostri parallelismi hanno un qualche cosa di inquietante. Anche solo semplicemente per il fatto che condividiamo: l’idiozia.
    Una sera volevo fare il chilli ma non ho trovato peperoncini freschi, allora tornata a casa ne ho vista una cestina di essicati purosanguecalabbbri. E ho pensato vabè andranno bene uguali. Li ho fissati per un po’ dicendo: si ma come si usano? Mica andranno tagliati a striscioline, solo i semi pizzicano. E intanto me li maneggiavo bella bella. Ad un certo punto disssssi: bè ma saranno pure vecchi e nemmeno pizzicheranno.
    Non so cosa mi abbia spinto a posarmene uno fra le labbra. 1 ora di puro terrore e due labbra che tu, cara mia, sei una dilettante.
    Detto questo la macchinetta del caffè mi fa rabbrividire al sol pensiero. Ma la zolletta rossa posso averla ugualmente o le hai in tinta con le capsule ora?
    *___*
    Ecco.

  9. che disavventura!!! mi dispiace un sacco per le mani.. comunque io recentemente dopo aver tagliato dei piccoli peperoncini mi sono sfregata gli occhi come se niente fosse…. ti lascio immaginare il resto….
    e io ho pure una soglia del dolore bassissima :( già le cerette sono un trauma per me

  10. spiessli dice:

    Ehm, allora non ero proprio rincitrullita del tutto quando come rimedio mi è venuto in mente l’olio d’oliva (mio nonno ti avrebbe senza dubbio alcuno consigliato l’olio di paraffina)! Bene, c’è ancora speranza.

    Criscpass però Iaia che male! La soglia del dolore ce l’ho altina anch’io, mi sono fatta un carnevale intero (con tanto di comparsata a due sfilate) con la capsula dei legamenti della caviglia completamente smaciullati. Ma bon, chi m’ammazza? Appunto.

    Guarda, proprio solo perché sei te ti dico che al peggio non c’è fine: io mi sono bevuta un bicchiere di… ehm… olio.
    Di frittura.
    Usato.
    Eh. E qui vi si accende la lampadina, nevvero? Capite adesso? Già.
    Tengo però a precisare che ero piccoletta e non è stato per colpa mia. Cioè. Mi pareva che avesse un gusto strano, ma al feroce “mangia e taci” ringhiato nel bel mezzo di una discussione nonno-zio (o di politica, o della raffinata tecnica di vinificazione nostrana)… per una volta ho ubbidito senza fiatare (non è vero, ci ho porvato un altro paio di volte a dire che quella roba giallognola e torbidissima non era un granché, ma per una volta non ho avuto l’ultima parola).

    Tengo a precisare che non ho alcun ricordo delle ore successive. Ecco. Per dire che la palma (da olio, chiaramente) per l’ottusaggine resta mia, a te cosa diamo? Il peperone rosso della prova del cuoco? ;)

    Pace e ghiande, tutto è bene quel che finisce bene.

    Propongo una spedizione in massa di guanti di gomma per la nostra Iaia. Poi magari decretiamo quale sono i più belli. :D

    • Quando avevo 5 anni ho preso il bicchiere sbagliato… avevo una sete tremenda e molta fretta di tornare al mio gioco e ho tracannato senza quasi respirare… era quello pieno di vino bianco e non quello pieno d’acqua che mamma mi aveva appena versato… dico solo che da lì è iniziata la mia vita di ASTEMIA TOTALE, provo fastidio solo a sentire odore di vino o altri alcolici…

      • Fatto la stessa cosa: mi sono ustionata con il risotto, ho aperto il frigo e mi sono attaccata alla bottiglia dell’acqua minerale che però conteneva… grappa.

        Stranamente però non sono astemia :P

  11. spiessli dice:

    Ah, il caprino con i mirtilli mi intriga assai. Domani mattina mi fiondo al mercato a prendere il caprino freschisssimo!

  12. bisognerebbe inventare un peperoncino non piccante. Si può?
    Oppure, ecco, se fossi una fabbrica di peperoncini metterei in vendita i suddetti con abbinato un litro di latte.
    Il peperlatte, lo chiamerei.

  13. oh porcapuzzola!!! per una volta leggerti mi ha messo l’ansia! cioè…di solito rido delle tue avventure pensando” che forte lei…dobbiamo fare una di queste cose insieme prima o poi eh!”..invece stavolta soffrivo con te *_* …oh ma tu peròòòòòò …da dove t’è venuto in mente di tagliere senza guanti????? pazza! *_* ..e io che ti pensavo a fotografare fragole a Maletto!!!! (anche a mangiarle a dire il vero eh!!) …occcchei le ho mangiate io per te…occchhhhhei? però tu non fare più sti danni :( che mi fai preoccupàààààààààààààà!
    e ora baciamoci!!!
    :-************

  14. Ah, Iaia mia… tutte a te, maledizione! Fintanto che ho fumato ho consumato quantità industriali di peperoncino, ricordo tra i tanti un episodio in cui chiesi del peperoncino da aggiungere alla pasta, il cameriere mi portò questo recipiente come se stesse portando un candelabro a sette bracci verso un’ara sacrificale, e mi sussurrò di usare molta cautela, ché era FORTISSIMO (fortissimo lo disse sgranando gli occhi). Io ne misi un cucchiaino abbondante e vidi la sua faccia inorridire, e poi lo vidi spostarsi sul fondo della sala e dare di gomito ad un suo collega come per dire “guarda, guarda, ora ci divertiamo”. Era forte, non lo nego, ma per me, che non mi sono scomposto neanche con i jalapinos messicani in Texas, era giusto lievemente piccante, come piaceva a me. Quindi masticai con gran gusto la mia forchettata di pastasciutta e il cameriere sgranò nuovamente gli occhi ma questa volta per la sorpresa di vedere che il SUO peperoncino FORTISSIMO non aveva sortito effetto alcuno…
    Ora che non fumo più ne uso quantità importanti ma non proibitive, e francamente ricordo di averli sempre tagliuzzati con le mani, anche quando li ho coltivati in giardino e poi, dopo averli essiccati al sole, li ho frantumati. Prima di passarli nel mixer li rompevo in tre-quattro pezzi ciascuno, ed erano decine e decine… e non ricordo di aver mai avuto nulla, ma immagino di essere poco sensibile evidentemente.
    Oltre alla grattata d’occhio, un classico per tutti, con annesso bruciore, io ricordo una volta in cui, dopo aver preparato gli ingredienti per il soffritto, peperoncino compreso, mi recai in bagno per un bisognino impellente…. Ecco. Ci sono cose più piacevoli che ricordo nella mia vita… :D

  15. Quest’estate sarò ancora qui a seguire i tuoi accostamenti sorprendentemente bizzarri, ma gustosissimi. Sono pronta.

  16. angyerry dice:

    Ma impapita mia !!!!… Mannaggia :( :( ti voglio bene, perchè nonostante tutto :) ci hai dato questa ricetta …,cosi rosa :) buonissim :D

  17. Pensa che quando sognavo di diventare una grande chitarrista rock non giocavo nemmeno a booling per paura di rompermi un dito e non poter più suonare…Questo per dire che: ti stimo, sorella.

  18. io una volta ho anche fatto i peperoncini ripieni. ad un certo punto la ricetta prevedeva di tuffarli qualche minuto in una pentola di acqua bollente.
    ecco, quando lo fate, non state con la faccia vicino alla pentola.
    ve l’ho detto.

  19. Io ti ho tuittempo fa ha avuto lo stesso problema, anche lei mooolto fubbamentetato subito di correre al pronto soccorso, mia zia proprio poco ha pulito UNA CASSETTA di peperoncini con le nude mani. puoi immaginare.
    Accidenti, al solo pensiero, viene un bruciore insopportabile anche a me! Povera cucciolaaa :-D

  20. Morgan dice:

    Sono le 5:14 del mattino e io sono qui, nel letto con bacinella di ghiaccio, cercando un rimedio per ustione da peperoncini.
    La sofferenza e il dolore sono gli stessi.
    E non ho latte.
    Credevo di affettare (e disseminare) peperoni corno, e invece erano habanero. Decine e decine di habanero.
    Sono disponibile per il succo di frutta.

Trackback

  1. [...] ai mirtilli, che sono finiti pure su Fornelli in rete di Francesca Martinengo  e aver scoperto che con il caprino proprio come con il mango non solo affatto malaccio, era chiaramente la volta della pasta ai mirtilli (vedo già Max contorcersi davanti lo schermo) . [...]

  2. [...] Caprino e Mirtilli – GiKitchen – Una Cucina Psicola(va)bile [...]

  3. [...] caprino (provato sia con il mango che con i mirtilli. Se ti fa piacere dare una sbirciatina per il Mango con i mirtilli clicca qui e per il Mango con il Caprino invece qui) risulta vincente. Del resto non lo dice “quella [...]

Dimmene 4 ! ( ma anche 12)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 9.538 follower