Welcome October Horror Story


Giusto per riesumare un po’ il Flickr abbandonato ,  il Pinterest che dimentico sempre e dare il Benvenuto a questo Ottobre. Sarà impegnativo, ricco di novità, progetti, colpi di scena e qualche gridolino che non guasta mai. Ieri sono stata parecchio al telefono e questo è stato il risultato. Sul fatto che ami le maschere di Frances Conroy in American Horror Story credo ci sia gran ben poco da dire; il mio subconscio mi porta a lei ed a una sorta di venerazione al grido di “Balenciagaaaaaaaaaaaa”. Ed adesso passiamo alle cose importanti: Domani è Sabato vero? E poi si va in ferie fino al 2018, giusto?

Alle 12:12 dopo i Muffin al Cioccolato con la violetta di ieri arriverà un piatto correlato sempre alla prima stagione: Bloody Mary e Omelette.

Il Compleanno di Stephen King


Cliccando sulle varie immagini si accederà alle ricette e contenuti.

Sul mio libro “Le Ricette di Maghetta Streghetta” all’interno del Calendario Matto a pagina 112 il 21 Settembre si celebra guarda un po’ il compleanno di Stephen King (è stata la prima fumettoricetta che ho disegnato e fatto vedere a mamma, papà e Nippotorinese). E non è stato un caso ma un’iniziazione e che sia finita poi a pagina 112 nonostante i mille cambiamenti beh. E che la stanza 237 come somma faccia 12 beh. Beh insomma. Knödel di patate in coppa di sale con Ketchup fatto in casa. Nella ricetta spiego come realizzare quell’adorabile coppa di sale dove sono contenuti i Knödel. Niente di più facile e scenografico. Dovrei fare Quello che le foto non dicono anche con tutte le foto-illustrazioni del mio Libro perché all’interno sono celati segreti e messaggi. Solo per chi li sa leggere ma qualche mistero in fondo può essere svelato. Altri scoperti. Altri tenuti opportunamente nascosti.

Un Augurio speciale a Stephen King. Perché non sarò la sua più grande fan ma devo a lui sicuramente: l’iniziazione di tutto.

Voglia di altre Cheesecake? A seguire idee gluten free, senza lattosio, versioni fredde, calde, classiche, bizzarre e non è finita qui.

The Rocky Horror Picture Show e Time Warp tutta la vita!


Nel mio Libro “Le Ricette di Maghetta Streghetta” edito da Mondadori a pag. 98 all’interno dello strambissimo calendario da me allestito ho inserito il 9 Agosto. Poteva forse mancare la Notte buia e tempestosa (davvero molto tempestosa) nella quale Janet e Brad in seguito a un guasto alla loro macchina cercano rifugio nel castello del Dottor Frank-n-Further? Visione iconica-mitologica-terminianniottantaacaso, The Rocky Horror Picture Show detta legge a distanza di quaranta anni. Trasgressivo nel senso più profondo del termine ma mai volgare nella sua totale illogicità e pregno di metafore, scomoda addirittura parallellismi con Lynch (a mio modestissimo parere, chiaramente). Irriverente ma sempre morigerato ed equilibrato, sul mio libro l’ho definito una miscellanea di fantasia e genialità e in effetti non riesco a sintetizzare meglio di così. Non mi stanco mai.

Di cibo in The Rocky Horror Picture Show non ce n’è moltissimo anche se nella scena iniziale grazie a qualche inquadratura del banchetto/festa/balletto iniziale/presentazione Frank qualcosa si scorge. Pure dei krapfen apparentemente. E’ lo stinco però il piatto forte. Quello che taglia con una sega elettrica (che bramo da anni) Frank in persona lasciando alludere che di tutto si tratti tranne che di carne. Animale.

Facciamo ciao ciao con la manina a Eddie?

Sul libro se ti fa piacere trovi la Ricetta dello Stinco di maiale glassato al miele e spezie con diverse idee per dei chutney indiani classici e rivisitati. Uno su tutto quello Pera e Cipolla che anche qui sul Blog ha riscosso un successo incredibile!

Adesso la domanda importante: Tu lo sai ballare il Time Warp, vero?

Domani è il Compleanno di Harry Potter. Ed è una notizia importante checchecchesenedica. Tredici ricette dal sapore British.


Cliccando sulle immagini delle Ricette, dal sapore British, si accederà ai post correlati (ho esagerato un cicinin con il font. Me ne sono resa conto leggermente in ritardo. E il poco tempo mi è nemico. Saràperlaprossimavolta).

Che io nutra una fortissima simpatia per Harry Potter non è un segreto (non so perché non dovrebbe essere un segreto ma piaceva come inizio alle mie dita. Non conto niente io. Scrivono loro); nel senso dell’enciclopedia letteraria Potteriana (alosapevorowlingchecontinuavimachettecredevi? Comunicazioni di un certo livello) – (l’oggetto è simpatia; qualora qualcuno se lo stesse chiedendo) perché proprio nella fattispecie della persona Harry Potter fosse per me gli spaccherei la bacchetta di Sambuco in testa e poi gliela conficcherei nella cicatrice fin quando (no. Devo fermarmi. E’ troppo pulp per le 12.12 e per le famiglie e i bambini che credono io sia un essere dolce e innocente *disse ridendo satanicamente e ritirando il mantello cucito sul modello Voldemort).

Sì d’accordo il bimbo abbandonato. La cesta. Orfano. Ma poi. Quella saccenza-supponenza-sotuttoiognegnegne-faccioidioziemamisalvosempre mi ha stancato dopo i primi quindici secondi della pietra filosofale e difatti il mio amore imperituro è andato a capelli rossi Ron, tanto da fare una vera e propria dichiarazione d’amore durante il  mini progettino bloggereccio delle Coppie lo scorso San Valentino; che se ti sei miracolosamente perso puoi sempre cliccare qui (uh la tecnologia!). Sul mio libro ci sono le CioccoRane al Tè Matcha e la FumettoRicetta proprio il giorno del Compleanno di Harry Potter ma di questo ne parliamo domani e fingiamo che sia pure interessante tutti insieme, d’accordo?

* errata corrige: Shepherd’s Pie

Harry, a prescindere dalla sua insopportabile saccenzasupponenzasotuttoio (che poi porello non l’ha mai detto sotuttoio ma devo pur scaricare le mie frustrazioni su qualcuno oggi e mi spiace Harry tetoccascrittocosì!), è un vecchio amico da amare sempre e comunque. Sì dai la bacchetta conficcata nella cicatrice più volte d’accordo, ma pure tanti bacetti (dimostro molto equilibrio come sempre). E’ sempre Harry santa gelatina tuttigusti+1! Due anni fa su Amazon ho trovato “A tavola con Harry Potter” di Barbara Paoletti e Luisa Vassallo edito da Ancora (Barbara! Luisa! Mi sentite? Voglio conoscervi e inginocchiarmi a voi! Vi adoro!). Preso immediatamente, è stato un acquisto che ripeterei ad infinitum. E’ un libro ben fatto con tantissime ricette, collegamenti, spunti, giochi e illustrazioni. Che merita ben più di una mia ridicola recensione (che farò) per la Rubrichetta “La Libreria di Iaia”. Ne ho comunque accennato qui e lì nei post sulla Burrobirra, Cupcake di Harry Potter (i primi fatti con la pasta di zucchero) e il Goulash.

Sempre in questo delizioso libro ho trovato le Domande Del Cappello. Ovvero: chi non ha desiderato star lì nella sala grande e vedere in che casa sarebbe finito per tutto il periodo di scuola? Il primo che risponde “io no” si becca un mio primo piatto, un caffè preparato da me e pure la compilescion cantata a cappella di Whitney Houston – Guardia del corpo (meglio l’inferno). Oltre a questo piccolo, incredibile e fantasioso test ci sono chicche imperdibili. La mia personalità dolce e patatosa sperava di essere una brava bambina e finire lì con la sciarpetta giallo rossa (ho pure la cravatta e testimonianze fotografiche, eh! Non ci credi? qui-quo-qua e…) magari invitata a casa Weasley per una buona cenetta tutta inglese non babbana ma a testimonianza del fatto che questo test funziona eccome:

Eccomi abbracciata a Draco manco fossi la gemella cattiva di Bellatrix (c’è uno psichiatra che può aiutarmi?). Sperando di non offendere le autrici che, ribadisco, stimo per l’incredibile lavoro, mi permetto di copiare e incollare il Test, giusto per chi volesse giocare un po’ insieme.

Le Domande del Cappello.

1

Sei penetrato con L’Alohomora (incatesimo usato per aprire le porte del corridoio di Hogwarts durante la ricerca della pietra filosofale) nelle stanze della mia dimora. Se ti do il mio Benvenuto, come rispondi, o sconosciuto?

  • a- Salve!
  • b- Buongiorno
  • c- ciao
  • d- Permesso…

2

Se potessi qua, per certo, esaudire un desiderio, quale cosa chiederesti, senza esser troppo serio?

  • a- una bicicletta
  • b- una provvista di gelatine tuttigusti più uno
  • c- una nimbus 2000
  • d- un libro di incantesimi

3

Arrosti e budini gelati e panini intingoli e fritti o menù per convitti: qual è la pietanza che non t’è mai abbastanza?

  • a- patate fritte
  • b- pizza
  • c- gelato
  • d- pastasciutta

4

Bianco, rosso, verde e azzurro… dimmi presto, in confidenza come fosse in un sussurro: che colore ha residenza, come fosse un po’ il tuo amore dentro l’antro del tuo cuore?

  • a- rosso
  • b- verde
  • c- arancio
  • d- blu

5

Se tu fossi un uccellino su quale albero bellino voleresti, dritto dritto, come fosse un alberghetto?

  • a- quercia
  • b- castagno
  • c- cipresso
  • d- betulla

6

“Wingardium Leviosa!” pronunci solenne e subito vola davanti al tuo naso…

  • a- un gruppo di renne
  • b- un mucchio di penne
  • c- 14 antenne
  • d- un paio di pinne

Soluzioni (in grassetto sono le mie)

1

  • a- tassorosso
  • b- grifondoro
  • c- corvonero
  • d- serpeverde

2

  • a- grifondoro
  • b- tassorosso
  • c- corvonero
  • d- serpeverde

3

  • a- grifondoro
  • b- tassorosso
  • c- serpeverde
  • d- corvonero

4

  • a- serpeverde
  • b- tassorosso
  • c- grifondoro
  • d- corvonero

5

  • a- tassorosso
  • b- corvonero
  • c- serpeverde
  • d- grifondoro

6

  • a- corvonero
  • b- serpeverde
  • c- tassorosso
  • d- grifondoro

 

Sono curiosissima di sapere tra i corridoi che sciarpa vi vedrei indossare. Così potrei farvi un Wingardium Leviosa e sbaciucchiarvi a mio piacimento. L’arte satanica del bacetto. Perché non ho scritto ancora un’enciclopedia?

I Biscotti di Star Wars al Mandarino (perché a Yoda piace il mandarino. E nessuno mi contraddica, ok?)


Confezionati mesi orsono (brivido lunghissimo sulla schiena ed esplosione immediata dell’orologio biologico virtuale a forma di Nano da Giardino) questi biscotti Star Wars al sapore di mandarino hanno letteralmente spopolato su instagram. Stupore e sconvolgimento per una preparazione estremamente semplice e alla portata di tutti. Un’ovvietà imbarazzante quella di dire che servono solo gli stampini, ma tant’è. Insomma dai, non è che sia merito mio. Non è che abbia fatto chissà quale operazione difficilissima. Ho soltanto “stampato” letteralmente sulla pasta e via. In forno.

“E dove li trovi questi stramaledetti stampini tu?” E’ la domanda che attanaglia la popolazione del web, ne sono conscia. E da sempre do sempre la stessa identica risposta: Amazon. Più che Ebay il mio spacciatore di fiducia è sempre e solo Amazon.

Continua a leggere

La grande bellezza e il Riso riscaldato del giorno dopo


Pare che ci sia sempre un nesso tra quello che si serve su un piatto e allo spettatore all’interno della pellicola; o che io semplicemente riesca a trasformarlo a mio uso e consumo (è sempre la seconda, santo cielo). Stiamo parlando del mio attore italiano preferito, Toni Servillo, e del regista nel panorama del bel paese che apprezzo di più insieme a pochissimi altri (veramente solo lui, vabbè), Paolo Sorrentino. Per i due avevo provato una fortissima ammirazione e stima, come mi accade poche volte soprattutto in riferimento a una visione italiana, con Il Divo parecchi anni fa. Se con Gomorra di Garrone, che pur sempre Cinema d’autore e bandiera nazionale è, mi sono addormentata dopo venti minuti (al contrario della carta) e non mi vergogno ad ammetterlo, con Il Divo mi sono proprio appassionata tanto da desiderare di vederlo ancora in televisione dopo la sala. E questo accade raramente e quando succede per lo più è in riferimento a una proiezione del cinema orientale in genere. La Grande Bellezza, che concorre agli Oscar 2014 come miglior film straniero insieme per altro a “Il Sospetto” che mi aspetta stasera, a me non è piaciuto. Poco, intendo.

Continua a leggere

Bill e Alice – Biscotti al Cioccolato


L’amore infantile di due amici come Ron e Hermione con cioccolatini su un treno verso Hogwarts. L’amore rocambolesco tra morti apparenti e risate di Joey e Rosalia. L’amore impossibile tra nevicate e labirinti di sogni  di Edward e Kim. L’amore passionale e intenso di Gomez e Morticia tra Mani mozzate e zii pelosi incomprensibili. L’amore più per se stessi che per la coppia di Lupin e Fujiko tra diamanti e banconote volanti nel cielo. L’amore insano ed egoista di Guy e Rosemary che genera odio e terrore. L’amore stereotipato da favola moderna di Edward e Vivian che fa dimenticare Cenerentola e il Principe Azzurro. L’amore senza tempo e luogo di Anakin e Padmé tra rinascite nel male e morti nel bene. L’amore fatto di attese e sconfitte di John e Nancy tra dolori immensi e sentimenti preziosi. L’amore della Principessa e del suo Pirata Westley e Bottondoro tra vortici di magia ed ere sognanti. L’amore ghiacciato e caldo di George e Jim come sangue su neve. L’amore mai nato tra Chow e Su in una danza dolorosa piena di tormento. E infiniti amori mai raccontati che ci sono tra queste righe, ricordi e volontà. Perché a ben guardare è come se non avessi mai iniziato ancora. Decidere di sì per Edward e Kim e non per Johnny e Babe. Come colpire birilli che hanno teste di coppie. Colpisco. Chi rimane in piedi lo raccolgo. Lo racconto un po’. Chi è caduto. Viene trascinato via. Chissà dove. Per un altro tempo.

La tredicesima coppia del Progetto San Valentino.

Continua a leggere

Chow e Su – La Zuppa di Semi di Sesamo che verrà


La dodicesima coppia (e non è un caso che sia questa la Dodicesima)

Se chiudi gli occhi e ti concentri perfettamente sulle corde che suonano Yumeji’s Theme di Shigeru Umebayashi puoi sentire attraverso la musica e gli intervalli quello che racconta l’amore mai sbocciato, e solo desiderato, di Chow e Su. Puoi soffrire la stessa agonia che si intervalla al rallentatore tra le sbarre di una finestra che non puoi aprire. Perché è la finestra di un carcere. Puoi sognare di percepire il desiderio sussurrato nel buco di un tempio e coperto da erba fresca nella speranza che sbocci. Quello che mai ha potuto vivere tra la terra dei pregiudizi e nel tempo sbagliato. Oggi con In the mood for love è difficile. Con Chow e Su è impossibile esprimersi. Lo sarebbe ugualmente anche se fossi sola e non attorniata da muratori, distruzione casa e cartongesso. Lo è sempre. In the mood for love di Wong Kar Wai non è un film. Non è neanche un’esperienza visiva. Non è un’allucinazione. Non è una fiaba. Non è neanche un’avventura. Come lo sono state tutte le coppie sino ad adesso, e non soltanto di questo piccolo progettino casalingo che non è stato curato come avrei desiderato.In the mood for love di Wong Kar Wai come tutto quello che porta la sua anima e firma è qualcosa di talmente forte, travolgente, riflessivo ed enigmatico che trasforma i pensieri e il cuore in un cubo di Rubik incapace di essere risolto. E’ qualcosa che ti rimane per sempre e dove sempre trovi e cerchi. Fa parte di un eterno passato. E’ come se diventi parte del passato della tua vita.

“Quando ripenso a quegli anni lontani è come se li riguardassi attraverso un vetro impolverato. Il passato è qualcosa che puoi vedere ma non toccare. E’ tutto ciò che vedi è sfocato e indistinto”.

Continua a leggere

A cena con Oscar – La Notte degli Oscar 2014 (e le ricette)


Con il Pollo allo Spiedo di Ragazze Interrotte annunciavo anni fa (che impressione dire anni fa!) la Rubrica A Cena con Oscar (esattamente qui). Poi lo scorso anno nonostante il trambusto del libro e le meravigliose disavventure che si moltiplicavano esponenzialmente ho deciso che non era mica giunta l’ora di finire ma anzi il verbo esatto era l’opposto: rinfoltireEd esattamente qui è ripartita proprio in vista della serata organizzata dall’Academy (sempre a ridosso del Carnevale e del pre Pasqua, vero? Non è che si può spostare che la mia scaletta è già serrata? Che per caso sto cominciando a vaneggiare dopo tre righe?).

Bistecca con 12 Piselli (The Aviator)

Continua a leggere

Lupin e Fujiko/Margot -Polpette di Tonno sottolio (e un’idea veloce: Spaghetti and FishBalls!)


La quinta coppia del Progetto San Valentino 

Lupin è davvero incorreggibile, ineguagliabile e furbo (lupinlupin*continuò a cantare agitando le anche per giorni. Se solo avessi delle anche funzionanti dopo la caduta intendo). Come nel caso di Morticia e Gomez si tratta innanzitutto di un disegno trasformato in movimento. Dando connotazioni ” reali”, poi. Disegnato e “riadattato”  dal formidabile mangaka giapponese  Kazuhiko Katō conosciuto come Monkey Punch  e ispirato ai romanzi sul ladro gentiluomo di Maurice Leblanc , Lupin è innegabile che sia nel cuore di tutti. Nonostante fosse, diciamolo, un adorabile ladro farabutto. Non come Robin Hood che rubava ai ricchi per dare ai poveri ma proprio per arricchirsi (e divertirsi tra mirabolanti avventure). Mascalzone ma smisuratamente divertente e passionale entra nelle vite di ognuno di noi per sedimentarcicicici (è sempre difficile scriverlo vero?)  e non andare più via. Il manga ha esplicite allusioni sessuali smorzatissime poi nel prodotto finale ( grazie al cielo aggiungerei perché l’idea che Lamù fosse una pornostar aliena non è che mi renda felice, per dire) che arriva a noi negli anni ottanta sotto forma di cartone insieme a Kiss Me Licia e compagnia bella ( anzi: bellissima). E chi non è impazzito davanti a codeste meraviglie di Ladri Truffatori Gentiluomini? Un po’ come con Abel e Arthur e cotte adolescenziali da cartone animato ( Terence o Anthony?) siamo state tutte lì ad arrovellarci, fantasticare e sognare una vita e tanti bimbi insieme a quel farabutto di Lupin (Anche se per quanto mi riguarda come  “migliore amico” calza meglio. Il mio cuore apparteneva a Andrè, tzè- Andrè di Lady Oscar anche se Fersen proprio schifo non mi faceva va là) .

Sempre in movimento dentro una delle macchine che correvano a tutta birra mentre l’ispettore Zenigata (Zazzzzààà ti voglio bene!) sputazzava “maledetttooooooo” dal finestrino pronto a tutto pur di portare a buon fine (?) l’ennesimo inseguimento. E’ salito su Mercedes, Alfa Romeo e Ferrari ma confesso di ricordarlo sempre e comunque all’interno della cinquecento. Soprattutto quella gialla nel Castello di Cagliostro firmato Miyazaki*segue inchino ( il fatto che sia tornato a scrivere Manga nonostante abbia smesso di regalare sogni in formato visivo-movimento mi fa pensare che il mondo sia un posto non troppo ingiusto nonostante la terribile notizia dell’abbandono. MATANTONONCICREDO. Ritornerai in altre forme nella tua poesia. Oh immortale Maestro Hayao*inchino di otto ore).

Continua a leggere

Gomez e Morticia – La torta di Rose (decapitate)


Ero ipnotizzata. Dal divano marrone di pelle (che compare pure sul mio libro in un piccolo pasticcio dove ho scarabocchiato la mia Nonnina Grazia. Era proprio così il divano. Proprio. Proprio) guardavo quella che rimane in assoluto la mia prima, nonché preferita, serie Televisiva. Erano gli anni ottanta e non c’era così tanta “carne al fuoco” in fatto di suddetto genere televisivo (nel week end abbiamo fatto full immersion con Top of the Lake e ne sono delusa a dir poco. Sette episodi da 45 minuti che avrei potuto impiegare per fare altro. Tipo i boccoli o operazioni di questo tipo); a maggior ragione se si pensa che la Famiglia Addams era completamente fuori da ogni tipo di schema familiare nell’immaginario comune. Una sorta di rivoluzione visiva e narrativa. Mandata in onda tra il 1964 e il 1966 sul network televisivo statunitense ABC, è ancora oggi un cult irrinunciabile che continua a essere mandato in onda senza mai stancare su Sky, per dire. E’ stata ispirata all’omonima striscia a fumetti creata da Charles Addams che veniva pubblicata sul New Yorker e si parla del 1912 (fino al 1988).

In pratica quando Rose e Jack (che no. Non compariranno in questo gruppetto) erano avvinghiati a Prua e il Titanic collassava negli spazi aperti dell’oceano. Incredibile come negli anni (anni detto con molta nonchalance ma si parla di un secolo. Novantottolunghissimianni, insomma) rimanga sempre una commedia atemporale e ricca sotto ogni punto di vista. Culturale, intrigante e intelligente la serie televisiva sulla Famiglia Addams non ha certo nulla a che vedere con i flop assoluti (a mio modestissimo avviso) a cui ahimé siamo stati sottoposti con le versioni cinematografiche (ci sono scene esilaranti anche e soprattutto nel secondo episodio ma niente di memorabile). Ricordo che al primo Addams Family mi catapultai al cinema manco ci fosse un mio parente nel ruolo di protagonista. Commossa e piena di aspettative affogai i miei dispiaceri in un pacco enorme di pop corn (ahia! beccata! sììììììììììì Anche io mangiavo i pop corn al cinema. Adesso tedio l’universo sul fatto che non si fa ma. Ma ero adolescente santocielo! Una gioventù bruciata, la mia. Pop corn al cinema. Confesso. Peggio però non ho fatto).

Continua a leggere