Life in Polaroid : Noto- Avola


Volevo scriverne molto di quel giorno a Noto e Avola. Del Convento di Clausura. Delle onde e del vento fortissimo ma.

[Continua a leggere...]

Cucina con il Trucco a Salina


[Continua a leggere...]

La casa del Totano a Salina


C’è una casa in un paese tranquillo chiamato Leni, proprio sotto il Monte delle Felci dove le  nuvole basse si diramano come zucchero filato e le onde del mare in tempesta si infrangono proprio sotto. E’ bianca e azzurra. Come  i colori del  calamaro in mezzo al mare. Infatti è la casa del Totano sulle onde. Per accedervi devi camminare un sentiero un po’ dissestato. Alla tua sinistra ci sono fichidindia ed a ben pensarci anche alla tua destra. Devi percorrere al buio in perfetto equilibrio la strada stando ben attento alle altezze e agli ingombri. E’ difficile arrivare alla casa del totano se non hai scarpe adatte; quelle sapientemente cucite da Geppetto o da qualche falegname magico che solo nelle favole c’è. Quando arrivi si illumina a giorno come uscissi da un tunnel. Un pesce penzolante, una pila siciliana con il tubo dell’acqua e una brocca con due mele. Un annaffiatoio azzurro e un albero di limoni. C’è una sedia di vimini dei primi del novecento  che somiglia ad una chaise longue, dei salottini e un tavolo pieno di ceramiche. Ombrelloni per ripararsi dal sole e un piccolo tappo di sughero scavato con dentro con una piantina messo vicino al fermaporta adiacente alle scale. Le scale sono colorate di animaletti disegnati ed ogni passo che ti porta su racconta storie magiche di creature colorate venute da lontano. Da sopra vedi ancor più alto il mare che ti sembra di essere su una nuvola. Le onde infatti sono lì. Sotto di te e sopra di te. Alla tua destra e alla tua sinistra. Sei circondato da magiche creature marine.

[Continua a leggere...]

Poco tempo per fermare il tempo. A Salina


[Continua a leggere...]

Come si mangia in Crociera? ‘spetta che te lo dico io


*tutto il giorno i vostri bimbi potranno godere al Lido di sanissimi wurstel con formaggio dentro, patatine fritte e hamburger di animale non identificato bruciacchiato con brio. Il tutto contenuto dentro dei panini di polistirolo. Innaffiato da maionese, ketchup e senape? Ma certo! Ma di scadente e saporita qualità.

Cominciamo?

( notare la cottura PERFETTA dell’hamburger. Alla foto non è applicato nessun filtro proprio per godere a pieno della nuance-cottura)

Delle bibite e dei cocktail e dell’all inclusive ne parliamo domani, ok?

[Continua a leggere...]

E proviamola questa D5200, va . Fermatempo di un ferragosto tra le onde


[Continua a leggere...]

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 9.538 follower