Notting Hill Carnival


E’ dal 1965 che si tiene questa allegra manifestazione nelle strade del quartiere di Notting Hill a Londra. Dura due giorni consecutivi generalmente e cade proprio in questi giorni. Non ho controllato francamente in quale data precisa capiti quest’anno. Questo Carnevale estivo grazie soprattutto al web ha raggiunto una fama internazionale riuscendo ad attirare cifre da capogiro che vantano addirittura più di un milione di partecipanti. Nato come grido contro il razzismo si è evoluto diventando anche altro ma ha quindi radici importanti che non vanno certamente dimenticate. Londra è una delle tappe che io e il Nippotorinese ci siamo ripromessi per l’anno che verrà e non nascondo che mi piacerebbe, e non poco, poter assistere a questo Carnevale che tanto mi ha attratto virtualmente. L’ho addirittura inserito come data all’interno del mio personale Calendario sul Libro “Le Ricette di Maghetta Streghetta” edito da Mondadori, che potete trovare se vi fa piacere in tutte le librerie o su Amazon.

“E’ il festival di Strada più grande di Europa. Più di 20 chilometri di asfalto inglese vengono invasi da strepitosi colori dell’America Centrale. Tra danze e feste la comunità afro caraibica fa ballare (e riflettere sul passato) e celebra i propri costumi e tradizioni annaffiando il tutto con punch al rum e tanto curry. Ma proprio tanto curry. Un giorno scanzonato per avvicinarsi a una fortissima identità culturale che rivendica, condividendola con gioia, le proprie origini. Le feste in costume a tema mi fanno sempre pensare alla mia amica Franciulla”

Tratto dal mio libro

In occasione del Notting Hill Carnival ero indecisa se fare il Jerk Chicken, piatto simbolo, o qualcosa di dolce e ciambelloso al sapore di Banana. Ho optato per la seconda. La ricetta infatti che ho inserito è proprio la Classica Frittella Caraibica di Banana. Facile da preparare e gustosa in tutta la sua genuina bontà. Trovi la fumettoricetta del Notting Hill Carnival a pagina 109.

Voglia di un’altra Ricetta Caraibica? Qualche giorno fa ho pubblicato un dolcetto banana-cocco facilissimo e gustoso in versione FumettoRicetta. Se ti fa piacere http://gikitchen.wordpress.com/2014/08/18/banane-cocco-ricetta-caraibica/

Menù per il Compleanno di Hitchcock


Il brunch terrificante: Cheesecake salata con mimosa di tuorlo, uovo in gabbia con semi di lino e uovo insanguinato.

Sul mio libro ” Le ricette di Maghetta Streghetta” edito da Mondadori e disponibile in tutte le librerie (anche su amazon) a pagina 100 si celebra il compleanno del grande Maestro: Hitchcock.

Una fumettoricetta dedicata alla sua insana passione e pura paura verso le uova con tanti aneddoti e curiosità riguardo la sua vita privata.

Le uova insanguinate sono state eseguite con la classica tecnica del tè (che ho mostrato miriadi di volte per Halloween) ma adoperando il colorante alimentare rosso,  mentre per quanto riguarda la Cheesecake Salata con pochi ingredienti si ottiene davvero un piatto unico gustoso molto coreografico grazie alla mimosa di tuorlo. L’uovo in gabbia? Sempre un successo. Come servire un uovo bollito facendo credere che sia qualcosa di incredibilmente fantasioso ed elaborato.

Ti aspetto in Libreria insieme ad Alfred. Speriamo solo che non mi chieda di fare una doccia.

The Rocky Horror Picture Show e Time Warp tutta la vita!


Nel mio Libro “Le Ricette di Maghetta Streghetta” edito da Mondadori a pag. 98 all’interno dello strambissimo calendario da me allestito ho inserito il 9 Agosto. Poteva forse mancare la Notte buia e tempestosa (davvero molto tempestosa) nella quale Janet e Brad in seguito a un guasto alla loro macchina cercano rifugio nel castello del Dottor Frank-n-Further? Visione iconica-mitologica-terminianniottantaacaso, The Rocky Horror Picture Show detta legge a distanza di quaranta anni. Trasgressivo nel senso più profondo del termine ma mai volgare nella sua totale illogicità e pregno di metafore, scomoda addirittura parallellismi con Lynch (a mio modestissimo parere, chiaramente). Irriverente ma sempre morigerato ed equilibrato, sul mio libro l’ho definito una miscellanea di fantasia e genialità e in effetti non riesco a sintetizzare meglio di così. Non mi stanco mai.

Di cibo in The Rocky Horror Picture Show non ce n’è moltissimo anche se nella scena iniziale grazie a qualche inquadratura del banchetto/festa/balletto iniziale/presentazione Frank qualcosa si scorge. Pure dei krapfen apparentemente. E’ lo stinco però il piatto forte. Quello che taglia con una sega elettrica (che bramo da anni) Frank in persona lasciando alludere che di tutto si tratti tranne che di carne. Animale.

Facciamo ciao ciao con la manina a Eddie?

Sul libro se ti fa piacere trovi la Ricetta dello Stinco di maiale glassato al miele e spezie con diverse idee per dei chutney indiani classici e rivisitati. Uno su tutto quello Pera e Cipolla che anche qui sul Blog ha riscosso un successo incredibile!

Adesso la domanda importante: Tu lo sai ballare il Time Warp, vero?

27 Gennaio: il Giorno della Memoria. La Torta di Umberta


Sul Calendario del mio Libro non poteva certamente mancare questa data. Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale che commemora le vittime dell’Olocausto. E’ la data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz e della fine della Shoah, lo sterminio del popolo ebreo, vergogna mondiale che pesa ancora sulle coscienze. Il giorno in cui rileggo Maus. Mi rivedo al cinema in cerca di fazzoletti dentro la borsa seduta nella sala a vedere La vita è bella. Mi rivedo al cinema in cerca di fazzoletti dentro lo zaino seduta nella sala con i miei amici del liceo a vedere Schindler’s List. Mi rivedo seduto in poltrona. Sdraiata a letto. A leggere, guardare, assistere basita al manicomio visivo di cui è difficile credere ci sia stata davvero un’applicazione in questa realtà.

In questi anni il 27 Gennaio è diventato una data tradizionale importante nel mio personale calendario. Un dolore che prende ancora più fuoco. E mi rivedo tra i Kaak in collane di dolore e in disegni dove ci sono sorrisi dietro il filo spinato. Mai chiudere gli occhi ma aprirli bene. In giorni come questi. Per ricordare e mai dimenticare né omettere. La Torta di Umberta, una ricetta speciale che porto nel cuore senza lievito e farina che è un regalo inaspettato, se ti fa piacere la trovi sul mio Libro “Le Ricette di Maghetta Streghetta”.

Continua a leggere

Il mio libro al 5° posto tra i Bestseller di Amazon per la Cucina delle Feste


(clicca sull’immagine per ingrandire)

(clicca qui per visualizzarlo su Amazon)

Non è che io stia promuovendo moltissimo il mio libro e va detto; sicuramente con un mea culpa ma neanche troppo culpa va. Ho fatto solo una presentazione a Catania (il 12 Ottobre ed è vergognoso che io non abbia ancora pubblicato le foto ma ci sono stati dei problemi con le fotografie ufficiali realizzate da una bravissima fotografa) e poi il nulla. Per il resto è stata una mia scelta. Mi sono state proposte diverse “situazioni” ma ho sempre rifiutato perché ho voluto restare qui. A casa. A seguire i miei amori e come tutti sanno la situazione delicatissima del mio papà.

Si fanno delle scelte nella vita e io ho scelto la famiglia, l’amore e l’amicizia. Quella vera. Diciamo poi che non sono bravissima ad autopromuovermi. Mi sembra sempre di essere invadente e faccio fatica. Mi impongo di scrivere qualcosa a riguardo e di buttare qualche link qui e lì ma poi mi rendo conto che nella battaglia editoriale dove ci sono MILIARDI di pesci nell’oceano certo facile non è.

Solo che io ho sempre creduto fermamente una cosa. Se davvero una cosa vale (anche un sorriso, intendo) non c’è marketing che tenga. Magari non ottiene i risultati sperati ma magari chi li sperava non era tenuto a farlo. Per me è già tanto e troppo così.

Sono al 5° posto tra i Bestseller di Amazon nella Categoria delle “Cucina per le Feste” e al sesto c’è Cracco con il Panettone; il che mi fa intuire che il mondo gira al contrario perché dovrei essere anni luce lontano da quel nome. Ma proprio.

Anni Luce. Il mio del resto per quanto se ne possa dire rimane comunque tutto tranne che un libro di cucina.

Continua a leggere

21 Dicembre: Solstizio di Inverno. Sul mio libro ci sono i Pandorini Salati al Formaggio!


Il 21 Dicembre è arrivato. Il Solstizio di Inverno. Sul mio Libro ” Le Ricette di Maghetta Streghetta” per questo giorno propongo dei deliziosi pandorini al formaggio facili da preparare e soprattutto personalizzabili in infinite variazioni. Qui sul blog ce ne sono versioni con fichi e pomodorini secchi ma si può davvero dare largo alla fantasia più sfrenate. Fave e Pecorino per cominciare sino ad arrivare a pera e formaggio nel più classico degli abbinamenti. Ottima idea , come il panettone gastronomico, anche per essere imbottito a mo’ di Tartina che fa troppo anni ottanta. Un pandorino salato stratificato con salmone affumicato o tonno o pesce spada con qualche cremina deliziosa aromatizzata e speziata con note di lime. Giusto per andare più sul mood ” master chef” e con brio. Oppure tagliati a metà con una bella fetta di mortadella che con il rustico non si sbaglia mai. Mortadella con crema di pistacchi. Rustica sì ma con una nota da “foodie”.

Continua a leggere

12mila modi di fare una Torta


Sul mio libro ” Le Ricette di Maghetta Streghetta” a pagina 146 ci sono diversi modi per realizzare una torta insieme alla pasta di zucchero senza glucosio. Tengo moltissimo alle quattro pagine dedicate al dodici dicembre. Certo a tutte ma. Ho disegnato nonna, mamma e papà. Ho nascosto messaggi segreti per chi saprà leggere e messo dettagli che apparentemente non hanno molto significato. Ma solo per chi non è vicino a me.

Quando lo scorso anno ho realizzato quella Maghetta di zucchero era un momento struggente. Ricordo che quei dodici continuavano a venir male. Ricordo che quel fiocco non voleva star su. Che le gambe si staccavano. Che tutto collassava. Proprio come me. Eppure poi durante lo scatto quando il vento si è alzato e la pioggia mi ha preso la schiena mentre ero su di una sedia che urlavo ” tenetemi la tenda biancaaaaaaaaaaaaaaaaaaa” : è stata ferma immobile Maghetta.

Papà mi ha sorriso. E ha detto ” coraggio amore mio. Ce la fai”

E ce l’ho fatta.  Si è messa in posa, maghetta. E pure io. Ha sorriso anche se nessuno vede la sua bocca, tranne me. Che ne ho una troppo invadente. Ed è per questo che la cancello.

Ed è andata. E’ lì. Tra le pagine di un libro. E della mia vita. Senza mai strapparne una di pagina. Anche se a volte leggerla fa male.

E che giorno di festa sia.

Il Compleanno di Edward Mani di Forbice


I biscotti e le macchine hanno un cuore e oggi sul mio libro “Le Ricette di Maghetta Streghetta” a pagina 144 si parla di come è nata la neve, di cuori di biscotto ed eserciti di amore. Il 7 dicembre del 1990 debuttava nelle sale americane il film Edward Mani di Forbice. Tutto comincia da una semplicissima, quanto complessa e sognante domande:

“Da dove viene la neve?”.

Se non sai rispondere significa che non ricordi la storia di Edward. E non è una bella cosa.

La Festa del Ringraziamento – Il Tacchino Graziato tratto dal libro “Le Ricette di Maghetta Streghetta”


Il quarto giovedì di Novembre si festeggia il Ringraziamento. In segno di gratitudine per la fine del raccolto. Ci sono aneddoti, ricette tradizionali, leggende, sentimento e confusione. Tanta confusione. Chi pensa che sia il “Natale Americano”. Chi crede che poi il “Natale” in America non si festeggi. Ma c’è una vera sola unica verità. Tanti tacchini, in questo determinato periodo, vengono massacrati a ritmi ancor più violenti. Qualcuno si salva e finisce in un libro.

Continua a leggere

20 Novembre: Giornata Diritti dell’Infanzia


Nel 1989 l’ONU approva la Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia con cui stabilisce che i bambini non sono più semplici oggetti di tutela e protezione ma singoli soggetti di diritti. Sul mio Libro “Le Ricette di Maghetta Streghetta”, edito da Mondadori (il mio ricavato andrà interamente devoluto all’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro) ci sono diverse proposte per dei cibi (spero) allegri che possano incentivare la fantasia, il gioco e la conoscenza. Un bimbo non deve avvicinarsi agli alimenti sono in relazione a quello che gli piace di più (patatine, cioccolato e hamburger) ma essere guidato, istruito e non in ultimo compreso e rispettato. Svilupperà naturalmente un proprio gusto che va assecondato tanto quanto il talento e la propensione a una determinata arte piuttosto che un’altra, ma è assolutamente necessario trasformare il cibo. Proporlo giocando nel modo più divertente e affine all’età del puffetto.

Continua a leggere