Il Riassunto delle Coppie (e delle Ricette) di San Valentino


Ho parlato del progetto San Valentino qui

[Continua a leggere...]

San Valentino Last Minute- Le ultime idee cuoriciose veloci da spadellare e una torta al cioccolato vegana buonissima!


[Continua a leggere...]

Bill e Alice – Biscotti al Cioccolato


L’amore infantile di due amici come Ron e Hermione con cioccolatini su un treno verso Hogwarts. L’amore rocambolesco tra morti apparenti e risate di Joey e Rosalia. L’amore impossibile tra nevicate e labirinti di sogni  di Edward e Kim. L’amore passionale e intenso di Gomez e Morticia tra Mani mozzate e zii pelosi incomprensibili. L’amore più per se stessi che per la coppia di Lupin e Fujiko tra diamanti e banconote volanti nel cielo. L’amore insano ed egoista di Guy e Rosemary che genera odio e terrore. L’amore stereotipato da favola moderna di Edward e Vivian che fa dimenticare Cenerentola e il Principe Azzurro. L’amore senza tempo e luogo di Anakin e Padmé tra rinascite nel male e morti nel bene. L’amore fatto di attese e sconfitte di John e Nancy tra dolori immensi e sentimenti preziosi. L’amore della Principessa e del suo Pirata Westley e Bottondoro tra vortici di magia ed ere sognanti. L’amore ghiacciato e caldo di George e Jim come sangue su neve. L’amore mai nato tra Chow e Su in una danza dolorosa piena di tormento. E infiniti amori mai raccontati che ci sono tra queste righe, ricordi e volontà. Perché a ben guardare è come se non avessi mai iniziato ancora. Decidere di sì per Edward e Kim e non per Johnny e Babe. Come colpire birilli che hanno teste di coppie. Colpisco. Chi rimane in piedi lo raccolgo. Lo racconto un po’. Chi è caduto. Viene trascinato via. Chissà dove. Per un altro tempo.

La tredicesima coppia del Progetto San Valentino.

[Continua a leggere...]

Chow e Su – La Zuppa di Semi di Sesamo che verrà


La dodicesima coppia (e non è un caso che sia questa la Dodicesima)

Se chiudi gli occhi e ti concentri perfettamente sulle corde che suonano Yumeji’s Theme di Shigeru Umebayashi puoi sentire attraverso la musica e gli intervalli quello che racconta l’amore mai sbocciato, e solo desiderato, di Chow e Su. Puoi soffrire la stessa agonia che si intervalla al rallentatore tra le sbarre di una finestra che non puoi aprire. Perché è la finestra di un carcere. Puoi sognare di percepire il desiderio sussurrato nel buco di un tempio e coperto da erba fresca nella speranza che sbocci. Quello che mai ha potuto vivere tra la terra dei pregiudizi e nel tempo sbagliato. Oggi con In the mood for love è difficile. Con Chow e Su è impossibile esprimersi. Lo sarebbe ugualmente anche se fossi sola e non attorniata da muratori, distruzione casa e cartongesso. Lo è sempre. In the mood for love di Wong Kar Wai non è un film. Non è neanche un’esperienza visiva. Non è un’allucinazione. Non è una fiaba. Non è neanche un’avventura. Come lo sono state tutte le coppie sino ad adesso, e non soltanto di questo piccolo progettino casalingo che non è stato curato come avrei desiderato. In the mood for love di Wong Kar Wai come tutto quello che porta la sua anima e firma è qualcosa di talmente forte, travolgente, riflessivo ed enigmatico che trasforma i pensieri e il cuore in un cubo di Rubik incapace di essere risolto. E’ qualcosa che ti rimane per sempre e dove sempre trovi e cerchi. Fa parte di un eterno passato. E’ come se diventi parte del passato della tua vita.

“Quando ripenso a quegli anni lontani è come se li riguardassi attraverso un vetro impolverato. Il passato è qualcosa che puoi vedere ma non toccare. E’ tutto ciò che vedi è sfocato e indistinto”.

[Continua a leggere...]

George e Jim – La Ricetta del Pane


L’undicesima coppia del Progetto di San Valentino (un po’ in ritardo perché ieri mi hanno rapito gli alieni)

Tra gli occhiali che preferisco indossare per schermare i miei dolori ci sono proprio quelli disegnati da Tom Ford, l’unico poi che sia stato capace di farmi piacere qualcosa firmato dalla maison con le due G, per la quale ho sempre provato una forte avversione. E’ quanto più si avvicina al concetto filosofico dell’estetica l’anima di questo grande artista. Il bello naturale, sia artistico che scientifico e la ricerca della bellezza nel giudizio non solo morale ma anche spirituale. Il sentimento del sublime; ecco cosa potrebbe vagamente sintetizzare la sensibilità di qualsiasi prodotto porti la sua firma. A Single Man è tra le visioni più profonde che abbia mai visto. Con una fotografia che ti fa leggermente aprire di più le cavità oculari, alzando il sopracciglio e socchiudendo la bocca per lo stupore. Ricorda per chi ne è già a conoscenza e mostra per chi purtroppo non è dotato di un minimo di sensibilità che la differenza nell’amore non esiste. Che non ha sesso, colore, età e distinzione di alcun tipo. Che l’amore come l’essere parmenideo nel suo essere è e mai non è. Non vi è mai una negazione nell’amore. Non vi è mai un giusto o un sbagliato. L’amore è e basta. Nelle sue forme auliche, inarrivaribili, inconcepibili e “casuali”. Proprio perché magia non ha dogmi, assiomi e leggi. Proprio perché è alchimia di componenti astruse ai comuni mortali è impregnata di supremo e mistero.

[Continua a leggere...]

Ritrovarsi con una fetta di cuore da tagliare e offrire è un gesto struggente e romantico, no?




(doveva essere una torta e un post per la mia Cri, che oggi compie venticinque anni ma. Lei sa perché rimando. Ed è per questo che non c’è bisogno di aggiungere altro).

Qualche giorno fa in questo (clicca clicca ) post delirante, facendomi domande e dandomi risposte (cretine, inciso) ho spiegato malissimo (e occorre bravura e me ne si deve dare atto) come fare il cuoricino dentro una ciambella, plumcake o torta. Il primo esperimento cuoricioso è stato fatto componendo un cuore rosa (e alla rosa)  all’interno di un plumcake al cioccolato e altri ne sono seguiti con diversi impasti; sta di fatto che questa sinora è stata la versione che mi è piaciuta di più. Semplice e lineare in bianco e rosso. Con il cuoricino spostato un poco più in alto e per questo posizionato solo dopo aver versato un po’ del “primo” impasto, al contrario di quello che ho detto e mostrato sempre qui, tra Totoro e polaroid step by step. L’idea  di servire a fianco il plumcake a fette da cui si sono ricavati i cuori per quello protagonista che troneggia sull’alzata di cristallo, tanto malvagia non è. Anzi. Si fa pure prima a spiegare alla gente con lo sguardo sbigottito come si è compiuto il miracolo di disegnare un cuore all’interno della prelibatezza offerta.

[Continua a leggere...]

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 9.525 follower