Skip to content

Cheesecake (al forno) con barrette al caramello (Lion) e Pennywise


Per una teglia di 24 centimetri

Per la base: 350 grammi di frollini al cioccolato, 150 grammi di burro fuso

Per il ripieno: 400 grammi di latte condensato, 250 grammi di mascarpone, 200 ml di panna, 200 grammi di formaggio fresco spalmabile, 2 uova grandi, 5 barrette di Lion

Riduci in polvere i biscotti; sia con il mixer che chiusi in un sacchetto e colpiti da un mattarello poco importa. Fai fondere il burro nel microonde o nel pentolino senza raggiungere la cottura. Versa in un recipiente la polvere di biscotti e mischiala al burro fuso. Metti il composto come base nella tortiera imburrata e con il dorso del cucchiaio pressa per bene rendendo omogeneo tutto e risalendo lungo i bordi in modo che questa cheesecake risulti con le pareti laterali (coreografiche e pronte a raccogliere ancor meglio il delizioso ripieno).

Lavora il formaggio con il mascarpone, il latte condensato e la panna. Aggiungi le uova una alla volta fino a ottenere un composto liscio. Unisci tre barrette (che hai scelto di adoperare) dopo averle spezzettate in tutto il composto in modo da risultare omogenee su tutta la superficie della torta. Versa il ripieno sulla base e inforna a 170 già caldo per 10 minuti. Tira fuori la cheesecake e aggiungi le restanti barrette spezzettate in quella leggera pellicola da cottura che si è formata in superficie. Inforna adesso nuovamente per 45 minuti finché la cheesecake non si sia completamente solidificata. Quando la sforni non preoccuparti se all’apparenza risulta essere ancora molto molle. Deve necessariamente solidificare. Devi farla raffreddare completamente senza muoverla troppo e poi metterla in frigo almeno quattro ore prima di toglierla dalla teglia a cerniera.

I Lion, nella mia vita da bambina, mi piacevano tantissimo, forse più dei Mars, anche se i Bounty non è che fossero da meno. Uhm. Ardua la scelta ma in fondo: devo proprio farla? Solo che i Lion (come i Mars, ok dai non posso scegliere. Ma tra Biancorì e Ciocorì preferivo il primo, ecco l’ho detto) li vedo ancora nel banchetto della bidella insieme al panino con formaggio a trecentocinquanta lire e misto con la mortadella a cinquecento lire. Perché nella scuola privata dove andavo c’era proprio una sorta di spaccio con tante caramelle, panini e schifezze varie. Il Nippotorinese ogni volta a questo mio ricordo inorridisce per via della possibilità di far scegliere a un bimbo come alimentarsi durante la ricreazione; condannando soprattutto la scelta di prodotti insulsi e commerciali. Sarà che sono diventata antipatica quanto (e più) di lui ma a ben pensarci adesso trovo anche io assurda la cosa. Fatto sta che non vorrei tanto focalizzarmi su ciò che si diventa ma su quello che si è vissuto, si è e disgraziatamente, per certi versi, si dimentica. Nulla togliendo al fatto che l’evoluzione resta di per sé anche una via di salvezza. Pennywise, il mostro del palloncino e il racconto di It che non è soltanto un libro fatto di angoscia e di terrori infantili semplici come quelli di un naso rosso che può essere un clown. King racconta qualcosa di ben più profondo a ben guardare e scava verso radici importanti sociologicamente e psicologicamente. Fermandosi alla storia, che può apparentemente apparire banale, si sminuisce la visione complessa in sé. Mi ha sempre colpito questo suo analizzare, come molti scrittori del resto, il tempo attraverso i mostri infantili che ritornano. La figura del clown Pennywise e dei luoghi dimenticati/ritrovati/forzatamente rimossi esalta in maniera netta quello che succede a noi adulti. Quello che mettiamo da parte, ma solo in cassetti facilmente apribili, e che ci sforziamo di non voler vedere più. Nascondendo il tutto con la sopravvalutata razionalità.

Ritornare nei luoghi da dove si viene è un passaggio onirico a tratti devastante. Per chi “diventa adulto”, intendo. Per chi “resta bambino” ogni pozza, fossa, tombino nasconde segreti. Se corro dietro alle lancette ricordo di essere seduta tra due statue di leoni. Erano quelli che portavano al boschetto di Padre Giuliano, la scuola in cui andavo. Nel boschetto si vociferava ci fossero i mostri la notte e che succedessero cose brutte. Era pericoloso anche andarci durante la ricreazione. Soprattutto le bambine dovevano stare ben attente. Ero praticamente l’unica (nonostante tentassi di trascinare la mia piccola migliore amica di un tempo) ad attraversarlo estasiata nella speranza di vedere questo mostro. C’erano delle scale, un campo da tennis e un agrumeto. C’era la mia voglia di disegnare quel bosco di notte. E di vederlo. Tra quegli alberi poi ci sono cresciuta e ho inventato storie. Ho girato un horror con la telecamera di mio papà quando allora la telecamera era una roba grande sette chili e ho ambientato anche scene del mio primo piccolo romanzo dal nome Capelli.

Per me è quotidiano andare a esplorare quello che sono stata e che in fondo sono rimasta. Ho sempre paura di chi non ha paura di essere diventato grande, o per meglio dire, di essersi dimenticato del potere che ha la mente quando si è bambini. Penso spesso a quando sarò mamma e al fatto di non poter mai mentire al mio piccolino semmai mi dicesse che ha visto un mostro sotto al letto. Perché io quel mostro continuo a vederlo. Sentirlo. Soprattutto quando mi alzo di notte e poi ritorno a letto. Mi piego poco poco per vedere sotto. E non mi vergogno a dire che molte volte glielo dico proprio.

Lo so che sei lì.

Come è rimasto lì Pennywise. A tormentarmi e volermi offrire un palloncino. Come questo sia diventato simbolo della morte più angosciante che la vita mi ha mostrato. Come quei mille palloncini che sono volati in cielo nell’ultimo addio a mio papà mentre gridavo tra il silenzio delle persone che guardavano me e mamma “Ciao Turi”. Io lo voglio sempre un palloncino Pennywise. Perché credo fermamente che il confine tra il sogno e il mostro è un posto dove bisogna stare in equilibrio per vivere. Soprattutto i ricordi. Perché checchèsenedica il mio futuro è quello.

15 Comments »

  1. Pennywise è un violatore di menti, ma la tua è più forte, so che lo guarderai negli occhi e gli ordinerai di ritornare al suo sonno millenario… e allora il mostro non sarà il tuo futuro, ma solo la felicità.
    Ti stringo forte! ❤

  2. La Veja Rampina aspetta sotto le increspature lievi di un fosso di campagna profumato di mughetti, tappezzato di muschio. I bambini si affacciano per guardare oltre e lei li afferra con il suo rampino di ferro. Un giorno mi affaccerò e lei mi prenderà. Mi porterà sotto con sé, mi trascinerà via per sempre. Detto questo… forte il Lion! Mi è sempre piaciuto tantissimo, forse più del Mars. 🙂

  3. Dico sempre che SK narra il lato oscuro dell’amore. La tua descrizione è un eccellente completamento a questo, perché L’amore dei bambini è un amore incondizionato e puro, ma nonostante questo disturbato dai mostri. E i mostri rimangono lì. Si comprimono, sembra siano andati via, ma restano in un nucleo, un nucleo fatto di metallo pesantissimo, impenetrabile a volte financo a noi stessi. Una metafora che uso spesso, per quanto riguarda come sono fatto io e come è fatta la mia interiorità, è quella delle mura concentriche. Cinte murarie con fossati pieni di alligatori, e ponti levatoi che possono essere progressivamente abbassati. Chi arriva “da fuori” deve farsi aprire ciascun ponte levatoio, per arrivare alla fine alla fortezza, a quel nucleo che si diceva prima. Ecco, quel nucleo è impenetrabile, ed è lì che si sono rintanati i mostri. Io non riesco a ricostruire quando esattamente questi mostri si siano creati, ma so quanto siano orrendi, so quanto possano tormentare, so quanto sia brutto guardarli in faccia. E non abbassare lo sguardo. E’ il lato oscuro. E’ il nero del simbolo del Tao. E’ talmente nero che neanche quel puntino bianco che campeggia al centro riesce a renderlo meno nero. E guardarlo è molto, molto difficile. E’ un lavoro che dura una vita. Un lavoro incessante, giorno dopo giorno, notte dopo notte. C’è chi guarda sotto il letto e dice “lo so che sei lì”, c’è chi guarda lo specchio e vede occhi dentro i quali ci sono pozzi senza fondo. I mostri. Compagni di vita. Ma non temere per tuo figlio. Lui avrà i suoi. Che saranno diversi dai tuoi. E se vorrai, quando sarà in un’età post-adolescenziale nella quale potrà seguire un ragionamento di questa complessità, potrete confrontarvi sui mostri di ciascuno. E’ un esercizio davvero interessante. Ti fa vedere le cose in prospettive che non immagineresti. E scopri che ci sono tante razze, e tante varietà di mostri. 🙂

  4. Cheesecake fatta! L’orso marito disse: “potrebbe essere la più buona che hai mai fatto? Forse SENZA le barrette sarebbe più equilibrata e vincerebbe!” Ma si parla di un uomo che NON vuole lo zucchero a velo sulla torta margherita ‘_’ ho detto TUTTO.
    A volte del mostro bisogna prendere le redini e guidarlo verso il tramonto, cantando inni di guerra

Dimmene 4 ! ( ma anche 12)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...