Skip to content

I Funghi, le case degli Gnomi, i vermi e la Cicala


Salvo, da papà-me-tutti chiamato Cicala (e il perché è una storia bellissima), ha preso il patentino. Lavora nell’azienda di papà -adesso del suo ricordo attraverso me- da quando sono nata. I primi anni non c’era nessuno e quindi aiutava mia mamma a stirare; perché portava i vestiti lì mentre papà era fuori a fare impianti elettrici e installare allarmi. Mi ha dato al pomeriggio la merendina. Mi ha accompagnato a scuola. Mi ha salutato orgogliosa quando dentro la Panda di mamma sono andata a mangiare al ristorante cinese con le mie amiche, lo stesso giorno che ho preso la patente. E ha vestito con me, mamma, Ale e Pier mio padre quando è morto. Agghiacciante, romantico, poetico e profondo. Salvo fa parte della mia vita come fosse terra. Il fratello, di poco maggiore, che non ho mai avuto. Sempre sorridente nonostante anche a lui la vita non abbia riservato chissà quali meraviglie. A testa alta e con coraggio nuota, si tatua delfini, mi abbraccia, mi porta i funghi per farmi costruire case agli gnomi e mi vuole bene. Nonostante io abbia sempre pochissimo tempo per lui. Per tutti. E per me stessa.

Mi dice il giorno prima “Non mi chiami mai”. Lo abbraccio e gli dico “Lo sai che ti voglio bene, vero?”. “Lo so”. E sa che è la risposta che voglio sentire per perdonarmi. E sa che è la risposta giusta perché gliene voglio e vorrò sempre. E allora capita che il pomeriggio seguente ti porta i funghi. Ti dice “Attenta che ci sono i vermi!”. Sorrido. Mi commuovo. Per la sua sempiterna delicatezza. Per la sua protezione. Per il suo bellissimo sorriso. Grido in cucina mentre SantaSignoraPina tenta di toglierli dall’inquadratura. Sono piccolissimi e bianchi. Strisciano. Mentre Vanessa e Koi mi guardano da un vetro. Mi passa la vita davanti sullo sgabellino bianco ikea che adopero per fotografare il tavolo bianco. Della mia casa tutta bianca. Senza identità e personalità. Come a voler dare un colpo di gomma e cancellare tutto.

E mentre penso a tutto questo in realtà immagino solo papà sbranare i funghi porcini. Perché li amava. Come amava Salvo.

Papà, Cicala è sempre qui che mi protegge dai vermi. Puoi stare tranquillo, Amore mio.

La Ricetta?

Diciamo che non c’è una vera ricetta ma. Dopo aver ricevuto dei funghi raccolti con amore metti una testa di aglio in olio extra vergine di oliva e profuma. Fai cuocere i funghi tagliati precedentemente, profuma e servi con tanto prezzemolo. Mi è stato detto che i siculi fanno così. E così ho fatto.

9 Comments »

  1. Mi emoziono sempre tanto quando ti leggo… Mi hai fatto ripensare a quando da ragazzina accompagnavo il babbo a raccogliere i porcini e poi lui diceva a tutti che ero bravissima, più brava di lui (seeeeeee!!! cuore di babbo!!!!). E a tutti quegli amici, che amici lo sono per davvero. Quelli che non importa se i chilometri sono tanti, quelli che non importa se non ci si sente ogni giorno, quelli che non contano tante parole… quelli che ci sono anche nei silenzi, quelli che ci saranno sempre. ❤

  2. Ci possono essere tanti ricordi nascosti nelle piccole cose.
    Saranno almeno vent’anni che non vado a funghi, ma la settimana scorsa ho chiesto a mio papà se la prossima volta che va porta anche me …
    Che poi a me i funghi non piacciono neanche molto.
    Un abbraccio!

  3. io amo i funghi cotti in tutti modi ma anche crudi, peccato io non sia capace a ricooscerne nenache mezzo, vado diretta al supermercato e compro champignon già imbustati…. però è bello come piccole cose riportino alla luce ricordi bellissimi e tenerissimi

  4. Salvo ❤

    Ci sono, intorno a te, persone splendide, diamanti o perle rare, non saprei come definirli. E li amo tutti, dal primo all'ultimo.

  5. oh. è uno dei miei piatti preferiti. che poi sono solo pochi ingredienti. come le patate lesse. o il pane più semplice del mondo. e mi piace immaginare pasti composti di queste tre cose. e basta. e questo diventa uno dei miei post preferiti.

Dimmene 4 ! ( ma anche 12)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...