Ultime Fermatempo da Instagram


 

Su Instagram mi trovi come MaghettaStreghetta

Crackers al Sesamo Nero (Vegani)


crackersvegani_4

Ingredienti per un bel piattone (quello che vedete) di Crackers al Sesamo nero:

  • 260 grammi di farina che preferisci o una combinazione id 2-3 tipi
  • 1 punta di cucchiaino di sale
  • 4 cucchiaini di lievito
  • 1 cucchiaio di sciroppo di riso
  • 140 grammi di margarina non idrogenata, fredda
  • 50 ml di acqua ghiacciata (o bevanda di soia- latte, sì)
  • Sesamo nero

Puoi fare tutto anche senza Robot. Inciso doveroso.

In un robot da cucina raggruppa la farina, il sale e la polvere lievitante. Lavorali. Unisci la margarina e ottieni un impasto sbricilioso (la classica sabbiatura, insomma). Aggiungi lo sciroppo e infine la bevanda di sola o l’acqua ghiacciata. Ottenuto un impasto ben omogeneo trasferisci su un piano di lavoro infarinato. Lavoralo poco e forma una palla. Avvolgi con una pellicola e metti in frigo da un’ora fino a due giorni. Se hai fretta di prepararli anche 15 minuti in freezer (e sì puoi congelarlo nel caso). Prima di utilizzare l’impasto, nel caso del freezer fai riposare 5-10 minuti a temperatura ambiente. Preriscalda il forno a 190. Stendi l’impasto e taglia con una rotella e ricava strisce lunghe. Spennalla la superficie con acqua e versa il sesamo e il sale grosso. Cuoci per 10-12 minuti massimo finché dorati (dipende dallo spessore) e conserva in scatola di latta o in un contenitore ermetico per conservarne la freschezza.

Continua a leggere

La Libreria di Iaia: I Formaggi Veg


fomaggioveg_1

Cominciamo subito con il dire che il primo (logggiuro) che storce il naso e comincia con la manfrina che il formaggio vegano non deve essere chiamato formaggio e che blablabla e che tirirititi e che bubububu si reputi spernacchiato molto elegantemente dalla sottoscritta. Non amo i formaggi. Non amo i formaggi vegani. Quindi va da sé che questo rimane un ticchettio tra amici e non una propaganda e non in ultimo una mera considerazione sul libro in sé che nulla ha a che vedere con un giudizio, critica o qualsivoglia vaneggiamento nei confronti dei latticini. Amen.

Formaggi Veg è firmato da Grazia Cacciola ed è edito da Sonda, di cui ho preso diversi volumi e che mai mi hanno deluso. Il sottotitolo è Latte, yogurt e formaggi vegetali fatti in casa. C’è scritto proprio latte, sì. I puristi che preferiscono Bevanda di latte si reputino spernacchiati simpaticamente come quelli di cui sopra. Il volume è diviso in due parti. La prima con le preparazioni mentre la seconda con le ricette. Preparare e autoprodursi latte, yogurt e formaggi, I diversi tipi di latte. Gli yogurt e a seguire i formaggi e i sostituiti di condimenti e salse tutte in chiave veg. Le Ricette poi sono una raccolta di piatti classici: Antipasti e Stuzzichini, Primi Piatti, Secondi, Piatti Unici e Dolci e Dessert. Mi piace molto la struttura, forse un po’ meno la grafica ma non importa. Sono pur sempre la psicopatica che non ama moltissimo i colori. Grazia Cacciola, a cui va la mia stima imperitura perché firma un volume ricco, completo e variegato, è autrice di saggi e manuali sull’alimentazione consapevole e stili di vita etici quindi non c’è che da imparare. E’ stata l’esperta di coltivazione naturale e autoproduzione nella trasmissione Geo & Geo e ha strutturato e supervisionato progetti dell’Unione Europea circa l’incentivazione delle coltivazioni con metodo biologico e biodinamico. Insomma Grazia Cacciola è una firma prestigiosa di un volume che piacerà moltissimo a chi rimane affascinato da questa branca dell’arte culinaria. Confesso di non essermi ancora molto cimentata nella realizzazione di questi formaggi ed è presto detto il perché. Io da non amante nella mia vita precedente e avendo in casa solo cultori del vero e sacrosanto formaggio faccio davvero difficoltà a “smistarlo”. Mi ritrovo a non avere “cavie” a cui sottoporlo ma è chiaro che nessuno mi fermerà. E forse che forse dovesse essere la volta buona che mi appassiono, mi piace e comincio a fare un caseificio in casa? Mai dire mai nella vita e credo di aver capito questa frase da relativamente poco.

Continua a leggere

La Libreria di Iaia: La Cucina Ebraica di Clarissa Hyman


cucinaebraica_1

Ho parlato diverse volte di questo libro, fatto tante ricette e preso molte volte spunto. Lo possiedo da anni ed è già sin troppo tempo che mi riprometto di sistemarlo qui nella Libreria di Iaia; finalmente è arrivata la volta buona perché merita, eccome. La Cucina ebraica – Ricette e Racconti da tutto il mondo – con le fotografie di Peter Cassidy è di Guido Tommasi Editore, che già solo a nominarlo ti vien voglia di piangere di commozione per quanto riguarda le uscite food. Il prezzo è medio alto e si aggira intorno ai 30 euro ma su Amazon si riesce a trovare anche a meno. La copertina è rigida e indistruttibile e ha resistito ai miei traslochi, scatoloni e martirii in cucina. Amo i Libri, certo, e tento di trattarli nel miglior modo possibile ma è chiaro che se ci studi sopra e li trasporti in cucina, sopra, sotto, ufficio, borsa bisogna prestare davvero molta attenzione. E’ uno dei libri, come ho fatto finora dando priorità ai miei irrinunciabili, che più ha fatto la spola libreria-studio-cucina e nonostante questo rimane immacolato e intonso. La prima edizione risale addirittura al 2003 e sono dovuti passare ben 4 anni per poi farlo uscire nell’edizione italiana grazie a Guido Tommasi, con la traduzione di Caterina Paversi e Tosca Saracini. Le prime righe recitano così “Questo è un libro di cucina ebraica, quindi comincerò con una barzelletta ebraica. Come molte delle ricette di questo libro, è ben collaudata e il successo è garantito. Quindi, anche se l’avete già sentita, vale la pena di rileggerla. Che faccio ve la racconto o vi invito a comprarlo o sfogliarlo in libreria?” (è un po’ lunghetta, uhm).

No. Non sono così cattiva, ve la racconto. Anche se faccio parte della fazione: non rido mai alla barzellette (forse per una stupida questione di principio).

Continua a leggere